venerdì 11 gennaio 2013

Soul Music


Soul Music, di Terry Pratchett.

Sedicesimo romanzo di Mondo Disco, terzo del ciclo di Morte e famiglia, debutto di Susan e, se la Salani continua ad andare in ordine nella pubblicazione, il prossimo ad uscire in Italia.

Susan Sto-Helit vorrebbe essere una normale adolescente di Mondo Disco, ma con suo enorme disappunto è ben lontana da esserlo: tanto per cominciare ha degli strani capelli, bianchissimi con una sola striscia nera e propensi ad acconciarsi come vogliono loro. In più è capace di rendersi invisibile quando non vuole farsi notare. E continua a vedere cose strane come la Fata dei Denti (anzi, una Fata dei Denti) quando tutte le persone dotate di buon senso sanno che cose simili non esistono.
Morte è la rappresentazione antropomorfa della morte. È ovunque in qualunque momento, da sempre e per sempre. E un giorno decide che non lo vuole più fare: stanco di avere il potere di cambiare le cose ma di non poterlo usare per via delle regole, e confuso da sentimenti che ha iniziato a provare ma che non sa gestire, il mietitore decide di lasciare il lavoro.
Come si collegano questi due personaggi, apparentemente lontani? Semplice: Susan è la nipote adottiva di Morte e per le strane leggi di Mondo Disco ha ereditato “i doni”  di famiglia, così quando il nonno sparisce viene chiamata a sostituirlo.
Ma per Susan, che è umana, sostituire la morte non è un compito facile… soprattutto perché qualcosa di molto strano sta succedendo: il giovane bardo Imp y Celyn viene posseduto da una strana musica entrata all’improvviso a Mondo Disco. Una musica viva, che cambia le persone e che vuole restare. La chiamano “music with rocks in”.

Questo libro, come si intuisce, ha due trame ben definite: da una parte Susan che sostituisce Morte, diventa uno dei personaggi preferiti di Mondo Disco e prova che il test Mary Sue non sempre ha ragione; dall’altra la storia di Imp e della sua band che conquistano il rock –o vengono conquistati dal rock- mentre i maghi dell’Università Invisibile cercano una soluzione al problema. Intorno gravita Morte, nel suo pellegrinaggio alla ricerca di una risposta sul senso della vita e della sofferenza.

Soul Music è un libro molto interessante, estremamente piacevole e divertente da leggere, ma nonostante introduca Susan, nonostante sia del ciclo di Morte (che adoro), non è a mio avviso il libro più riuscito: Terry Pratchett (che è Dio) inserisce sempre un numero enorme di elementi narrativi, di dettagli, di sottotrame, di personaggi, e se l’incastro di ogni singola parte non è più che perfetto si ha l’impressione, semplicemente, che ci sia troppa roba. 
E questo, imho, è il difetto di Soul Music: un’abbondanza di avvenimenti (piccoli e grandi) che non si amalgamano del tutto, e dove le due trame proseguono più o meno separate fino al gran finale.
Detto questo, la descrizione del mondo della musica è divertente, e la Musica come entità è bellissima e spietata. Ma credo sia più interessante per chi conosce la storia del rock.

A mio avviso la parte di Susan è più riuscita, perché mi piace moltissimo quando si spiega un po’ come funziona Mondo Disco, e perché lei è un personaggio delizioso: la sua presenza era necessaria per il semplice fatto che Morte rende tantissimo quando calato nel mondo umano e quando interagisce con qualcuno, ma come protagonista attivo è ingestibile: è troppo vecchio, troppo saggio, troppo inarrestabile se decide di agire direttamente. Era obbligatorio un personaggio che potesse interagire con lui, e che potesse muoversi all’interno della trama senza causare immediatamente la vittoria dei buoni (detto questo: Terry Pratchett è un genio nell’inventarsi trame in cui non solo è più che giustificato che Morte non si impicci, ma in cui sei anche in continua tensione su come –e se- si risolveranno le cose).

Prosegue anche l’evoluzione del personaggio di Morte: se in Morty l’Apprendista Ysabell spiegava come il padre non provasse sentimenti ma pensasse di provarli, in questo è evidente che Morte ha fatto il salto. I sentimenti li prova eccome, ma non ha la più pallida idea di come si gestiscano: da un lato per lui  il tempo è un luogo in cui essere, col risultato che l’intensità di ogni sentimento è sempre quella iniziale (immaginate il dolore sentito costantemente come il primo giorno, senza avere fisicamente la possibilità di dimenticare), e dall’altro deve conciliare i sentimenti con un lavoro dove l’unica forma di pietà è avere un taglio pulito e una lama affilata.

Detto questo, i ricordi di lui e della piccola Susan sono tenerissimi. E l’altalena che ha costruito per la nipotina, che mostra così semplicemente quanto provi, senza capire come fare, a essere umano.
Insomma, non il mio libro preferito di Mondo Disco, ma comunque un libro che vale la pena leggere. E incrociamo le dita che sia davvero il prossimo che pubblicheranno.

4 commenti:

  1. "All'anima della musica" dovrebbe uscire entro giugno, da quanto ho letto in giro! :) Bene... non vedo l'ora di fare la conoscenza di Susan! :D

    RispondiElimina
  2. Grazie della notizia *-*
    "All'anima della musica" come titolo mi lascia leggermente perplessa... sarà che nella mia testa lo chiamo da anni "musica dell'anima" XD

    RispondiElimina
  3. Adoro Pratchett ma le copertine nere sono orrende!! Meglio quelle tutte colorte dei primi libri.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. A me piacciono di più queste nere :)

      Elimina