mercoledì 15 novembre 2017

Dragon Ball Z: Light of Hope - Full Film

È passato talmente tanto tempo da quando il primo episodio di questa web serie fu messo on-line che ormai ritenevo il progetto morto e sepolto.
Invece... non proprio a sorpresa perché la data di uscita era stata annunciata qualche tempo fa (ma io finché non vedo non credo), ecco qui gli episodi due e tre, uniti in un... episodio molto lungo, o film molto corto.
Sarà valsa la pena aspettare quasi tre anni?

L'epicità di questa scena è over 9000
Nelle puntate precedenti: Dragon Ball Z ha un posto speciale nel mio cuore. È stato uno dei miei primi anime seguiti con criterio, il mio secondo manga, ho fatto parte della nutrita fetta di ragazzini che l'hanno adorato. Non ho mai ritenuto possibile un adattamento cinematografico degno - cosa che mi ha salvata in parte dalla delusione per Dragonball: Evolution - ma quando beccai il trailer di Light of Hope sperai.
Come scrissi ai tempi, l'idea di adattare la storia di Mirai-Trunks (la linea temporale dove tutti sono morti tranne Gohan e Trunks) è vincente: pochi personaggi, poche trasformazioni, mondo apocalittico e trama oscura... è una delle mie storie di Dragon Ball preferite.
Ma passiamo al fan film, o web serie: ha mantenuto le aspettative nate dal primo, sorprendente episodio?
Beh, sì e no. Nel senso che ho avuto lo stesso identico problema della prima volta: è fatto talmente bene che mi scordo che si tratta di un prodotto a basso costo finanziato su Kickstarter, ergo mi lamento perchè la CG durante il volo è legnosa. Mi lamento che dura troppo poco anche se è una produzione di fan caricata su youtube.
Sostanzialmente i soldi ottenuti col crowfunding sono stati usati per migliorare la qualità delle videocamere, per le scenografie, ma ovviamente gli effetti speciali non sono quelli di una produzione hollywoodiana (né potevano esserlo), solo che la qualità è talmente alta che un po' ti aspetti che lo siano.
Cosa che, alla fine dei conti, si può dire che rientra nei pregi, e porca paletta, date un vero budget a queste persone e fategli fare un adattamento ufficiale di Dragon Ball perché hanno dimostrato che si può!
Allora, premessa: credevo che il film avrebbe coperto tutta la storia di Trunks, ossia che finisse con il viaggio nel tempo. Non è così: si arriva solo alla sua prima trasformazione in Super Sayan.
Lo dico per evitare a chi leggerà la recensione prima di vedere il video di restarci malissimo com'è successo a me. Poi ok, c'è scritto che andranno avanti, ma finché non vedo non credo.
Magari fate anche il prequel? Due minuti non mi bastano.
I punti di forza sono rimasti invariati: fedeltà al materiale d'origine, dove cambiamenti ed ampliamenti sono stati fatti tenendo conto dello spirito originale oppure migliorando qualcosa. Ad esempio c'è una piccola sottotrama dedicata al virus che ha ucciso Goku, che serve ad ampliare il ruolo di Bulma: qui non si limita ad essere la "madre del protagonista", è lei ad aver creato e a comandare la resistenza. Tiene sicura la Capsule Corp.; sta creando un vaccino per il virus; sta creando il viaggio nel tempo... riesce pure ad avere una scena drammatica scritta ed interpretata bene.
Gohan è sempre un gran personaggio, credibile nel ruolo di mentore, mai privo di speranza nonostante tutto, fino all'ultimo secondo.
Ho trovato molto coraggiosa la scelta di fare dell'attore più giovane il protagonista, e ho apprezzato come i più grandi, più bravi, siano riusciti a sostenerlo invece di metterlo in ombra. Tra l'altro ho adorato che sia stato sottolineato che la testardaggine di Trunks, il suo voler combattere nonostante tutto, la rabbia nata dalla propria debolezza, il buttarsi nelle situazioni senza pensare alle conseguenze... non sono solo frutto del senso di giustizia, né dell'adolescenza che incombe: sono veri e propri tratti caratteriali che ha ereditato dal padre, che possono scatenare un sorriso quando se la prende con povere rocce di passaggio ma fare paura quando si lancia a testa bassa contro nemici troppo potenti... soprattutto perché Vegeta suo malgrado era il tank del gruppo (al punto che contro Buu la sua capacità di rialzarsi sempre fu incorporata nella strategia), ma il bambino assolutamente no.
Ma C-17 e C-18 sono la cosa migliore: il casting è stato assolutamente perfetto, si vede che gli attori ci hanno messo il cuore, facendo i personaggi "loro", non limitandosi a fare il verso all'anime.
Brividi.
Secondo me ad aver influito positivamente sul risultato, oltre all'ovvia professionalità di tutti i coinvolti, è stato l'andare oltre i combattimenti: non volevano che fossero solo esaltanti, volevano che ci fosse investimento emotivo. Tutti noi che abbiamo visto l'anime o letto il manga sappiamo come va a finire il combattimento di Gohan, ma dannazione se non è brutale vederlo con attori in carne ed ossa.
E niente, se fosse un telefilm lo guarderei senza dubbio, e il lato più negativo di Light of Hope è che dura troppo poco.
Qui l'episodio.
E qui sotto il trailer.

Nessun commento:

Posta un commento