giovedì 8 maggio 2014

Opposite Book Tag

Ho trovato questo tag nel blog Il Suono dei Libri, e imho è davvero molto carino; le regole sono semplici: ogni punto chiede i nostri 'opposti libreschi'. Un po' lungo, ma è un modo come un altro per vedere gli estremi opposti delle nostre librerie.


1_ Il primo libro nella tua collezione
Pinocchio, di Carlo Collodi
Mio padre me lo leggeva ad alta voce da quando avevo tre anni, ma questa è la copia che prendemmo al parco di Collodi quando ne avevo, tipo, cinque e da allora ha sempre letto quella. A quanto racconta mia madre, il babbo era fierissimo che scelsi una versione 'seria' invece di quelle tutte colorate per bambini.

L'ultimo libro che hai comprato
I Shall Wear Midnight, di Terry Pratchett
È il numero 38 di Mondo Disco. Già solo cosiderando che da noi ne esce uno all'anno e siamo al 16 può far capire perchè ho deciso di prenderlo in originale. In genere però Pratchett lo prendo in e-book, per il semplice fatto che non ho fisicamente lo spazio per 40 libri in doppia copia... ma i diritti della serie di Tiffany erano (o sono) della Mondadori, e non a caso è l'unico ciclo di Mondo Disco a non essere stato risramparo, quindi non è nemmeno una questione di quando ma di se.

2_ Un libro poco costoso
Tutte le avventure di Sandokan, di Emilio Salgari
Ok, non è il più economico in senso assoluto che possiedo, ma relativamente... 14 € per tutto il ciclo di Sandokan, tenendo conto che in singolo a meno di 9 € non li trovi? Occasione da non perdere per nulla al mondo. Lo dovevo alla mia infanzia.

Un libro molto costoso
A Dance with Dragons, di George R.R. Martin
Prima edizione in copertina rigida, ordinata alla Feltrinelli International: 33 €.
Cosa non possono fare sei anni di attesa ad una persona. Questo libro è come un figlio, e se mai riuscirò ad avere un autografo del sadico bastardo, sarà su di lui.

3_ Un libro con il protagonista maschile
Il Gioco di Ender, di Orson Scott Card
Sono tanti, i libri con un protagonista maschile, quindi ne approfitto per metterci uno dei miei libri preferiti. Scritto da un'autore che disprezzo abbastanza cordialmente.

Un libro con la protagonista femminile
Jane Eyre, di Charlotte Bronte
Perchè anche nei classici si possono trovare protagoniste assolute che, nei limiti della loro epoca, spaccano i culi. E Jane mi ha donato il momento di liberazione catarchica quando rinfaccia tutto alla zia stronza che l'ha trattata malissimo, rifiutandosi di sopportare in silenzio come un povero piccolo angelo. Anni di frustrazione infantile finalmente ripagati da una protagonista che usa il cervello.

4_ Un libro che hai letto molto velocemente
La bambina che salvava i libri, di Markus Zusak
L'ho letto che non avevo niente, ma veramente niente da fare. Risultato? Non sono riuscita a metterlo giù finchè non l'ho finito, verso le tre di notte. Ci ho messo circa un giorno e mezzo.

Un libro per cui hai impiegato molto tempo
A Madness of Angels, di Kate Griffin
Io amo la Griffin e amo questo libro, ma non so perchè ogni volta che lo leggo mi partono venti giorni. Anche se l'ho già letto e so già cosa succede! È un mistero che non riesco a risolvere.

5_ Una cover carina
The Road to Avalon, di Joan Wolf
Questa cover ha colpito la mia (piccola) anima romantica: il font, il quadro scelto, i colori... mi piace proprio tanto <3

Una cover brutta
Re in Eterno, di T.H. White
C'è davvero bisogno di dire qualcosa a riguardo? È un suicidio editoriale... chi diavolo comprerebbe un libro con una copertina simile, a parte qualcuno che da la caccia ai retelling arturiani ed è consapevole che, nel resto del mondo, è ben considerato ed è il libro da cui è tratto La Spada nella Roccia della Disney?

6_ Un libro nazionale
Il cavaliere inesistente, di Italo Calvino
Onoriamo casa con l'unico libro di Calvino che la sottoscritta ha apprezzato. Oddio, ora che ci penso ho odiato ogni singolo libro di Calvino che la scuola mi ha obbligata a leggere, tranne questo che non è che l'ho trovato ok. L'ho amato proprio.

Un libro internazionale
Il cacciatore di aquiloni, di Khaled Hosseini
Sono molto controcorrente: a me questo libro non è piaciuto. Però è un autore internazionale, e parla - anche - di un paese che non credo visiterò mai.

7_ Un libro sottile
Paradisi Perduti, di Ursula K. LeGuin
Un gioiello di 135 pagine.

Un libro grosso
L'Occhio del Mondo, di Robert Jordan
Con le sue 810 pagine, questo non è certo il libro più lungo che sia entrato in casa. Ma è il primo di una serie che conta 14 volumi ed indovinate un po'? Tra loro è uno dei più corti.
La Ruota del Tempo non è una serie bensì una sfida con sé stessi che, quando accetterò, mi prenderà anni.

8_ Fictional Book
American Gods, di Neil Gaiman
Amo le storie completamente inventate, quindi si è trattato di scegliere un libro... e vada per Neil Gaiman, che ancora non era stato nominato!

Non-fictional Book
Lucrezia Borgia, di Maria Bellonci
La mia prima biografia! Adesso avrò standard alti per sempre...

9_ Un libro molto romantico
Fangirl, di Rainbow Rowell
Non sono una persona molto romantica, quindi c'è una grande possibilità che un libro tutto rosa mi lasci indifferente. Ma questo qui... non è solo un libro romantico, ma è un libro che mi ha metaforicamente fatto esclamare "Awwww" per la tenerezza un sacco di volte. Quindi per me è romantico e carino e adorabile e dovete leggerlo.

Un libro d'azione
Conan il Barbaro, di Robert E. Howard
Machismo su carta: il metodo di comunicazione principale di Conan è ammazzare cose. Meglio se sono tante, armate e stanno correndo urlando contro di lui.

10_ Un libro che ti ha reso felice
La Certosa di Parma, di Stendhal
Questo è uno di quei classici che ti aspetti che siano belli, ma anche un po' una mattonata. Invece... certo, non è un libro leggero, ma il ricordo più grande che ho è quanto mi sono divertita a leggerlo. Non è comico, assolutamente, ma è brillante. Quanto ho riso - e rido ancora -  per il corteggiamento tramite cartelli non lo potete capire...

Un libro che ti ha reso triste
Colpa della Stelle, di John Green
Interpreto il "triste" con "mi ha commossa" e non "mi ha fatto così schifo che mi ha resa triste". Visto che La Bambina che salvava i libri già l'ho messo, andiamo col numero due. Non è certo una sorpresa che sia qui.

Fine di questo discretamente lungo tag, e sentitevi liberi di fregarlo senza pietà alcuna.

12 commenti:

  1. Bel tag! Se non fossi così restia a scrivere i tag (sono piiiiiigraaaaa...) lo fare anche io... magari ci faccio un pensierino.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Entra anche tu nel tunnel infinito dei tag *-*

      Elimina
  2. Kate, bellissimo!! E grandi risposte!!
    Se Fangirl è piaciuto a te, piacerà a tutti! Io lo amo!! *_*
    Ti seguo nel farlo.. :D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. In tutta onestà non riesco neanche a capire come qualcuno possa non amare Fangirl *-*

      Elimina
  3. Belle risposte! Quella su Conan mi ha fatto morire :D
    Della saga di Jordan io ho letto solo il primo - mi è piaciuto moltissimo, ma temo che recuperare tutta la serie sarà un bel grattacapo xD

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io temo che il più grande grattacapo, con Jordan, sarà leggerlo °-°
      Conan, se piace il genere, è molto carino. Un po' stancante per il fatto che sono tutti racconti @_@

      Elimina
  4. Hai fatto il tag :D le tue risposte mi piacciono moltissimo!
    Anche se Il cavaliere inesistente non mi aveva proprio appassionato, ma credo che fosse solo colpa del mio professore :3 magari se lo riprendo in mano adesso riesco ad apprezzarlo di più!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie :D
      Leggere libri per la scuola è la morte, anche se a volte se ne trovano di belli davvero. Di questo ho un ricordo davvero piacevole, e spero non dovuto al fatto che quello prima era Se una Notte di Inverno un Viaggiatore, che avrei volentieri fatto a pezzi.

      Elimina
  5. E' un tag carinissimo *__* E le tue risposte sono splendide! *_*

    RispondiElimina
  6. Sto leggendo ora il libro di John green e son pronta a versare litrate di lacrime...
    Jane eyre l'ho appena finito ma non mi è piaciuto molto...

    credo ti "ruberò" questo giochino! molto carino!!!

    RispondiElimina
  7. Incredibile sono bastate tre righe e mi hai convinta a leggere "La Certosa di Parma", è un libro che ho studiato a scuola in letteratura francese e la trama non è che mi avesse molto convinta! Metti che temevo fosse una noia mortale! ;)
    P.S. ho appena scoperto il tuo blog, molto carino!

    RispondiElimina