mercoledì 7 gennaio 2015

Galavant

Ci sono cose che non sappiamo di volere finchè non le vediamo, e allora come bambini davanti alla vetrina di un negozio di giocattoli piantiamo i piedi perchè - senza quella cosa che non sapevamo neanche potesse esistere - non possiamo, chiaramente, andare avanti con la nostra vita.
Questa sensazione l'ho provata quando ho visto il trailer di Galavant e ho capito che l'unica cosa che volevo davvero vedere in televisione era una commedia fantasy musical demenziale.
Purtroppo presto ho scoperto che sarebbe stata una delle serie che vanno in onda durante la pausa invernale, quindi l'attesa sarebbe stata lunga. E una lunga attesa, si sa, fa lievitare le aspettative.

Ma finalmente è giunto il momento, e domenica è iniziata!

Allora, mettiamo subito avanti le mani: questa serie, per quanto abbia delle potenzialità semplicemente immense, non è un piccolo capolavoro come Jane the Virgin. Ma è tanto carina.
La trama è semplice: in un immaginario medioevo il più grande eroe di tutti i tempi è Galavant. Bello, valoroso e con una meravigliosa innamorata di nome Madalena. Purtroppo la bellezza di Madalena attira anche il perfido re Richard, che fa rapire dal proprio sgherro Garreth la pulzella per costringerla alle nozze. Galavant parte al salvataggio, salvo scoprire che Madalena ha cambiato idea e preferisce la vita di regina alla vita di moglie  di un eroe che - alla fine dei conti - altro non è che un soldato di ventura. Ciò getta Galavant in un periodo di sconforto e depressione finchè, un anno dopo, alla sua porta si presenta la principessa Isabella: Richard ha invaso il suo regno e lei ha bisogno di un eroe che lo salvi. Riuscirà Galavant a non deludere le aspettative, nonostante abbia passato un anno a bere senza allenarsi?

Devo essere sincera: nonostante i primi due episodi non siano stati epici come avrei desiderato, mi sono divertita tanto a guardarli. Questa è una serie stupida nel senso buono del termine: è una specie di affezionata parodia del fantasy, con il valore aggiunto di canzoni orecchiabili e assolutamente cretine (e Maybe you're not the worst thing ever è la migliore pseudo canzone d'amore della storia). Il punto di forza sono gli attori: a parte che sono bravi, si vede che si sono divertiti come dei matti a prendere parte a questo folle progetto, e l'unico appunto che posso fare ai personaggi è che... beh, i cattivi sono migliori.
Sul serio: Galavant è buffo, Isabella la principessa maschiaccio con la testa sulle spalle e Sid riesce ad essere un comic relief in una serie comica senza essere una macchietta. Ma re Richard li spazza via tutti: non sono solo le sue battute, è Timothy Omundson che è un maledettissimo genio e ha creato un personaggio cattivo che non si può non amare. E la sua bromance con Garreth è meravigliosa (ma vi prego, vi prego... includete nel gruppo anche lo Chef!).
Per non parlare di Madalena... la signora fa veramente paura.

Insomma, è una serie assolutamente ridicola che vuole essere assolutamente ridicola. Magari non cambierà la storia della televisione, ma quel torneo me lo ricorderò per sempre. E poi mi hanno messo una citazione a Game of Thrones, che è un modo veloce ed indolore per comprarsi la mia simpatia, e ha questa scena.


Oh, a me piace se la scena fanservice la fanno all'uomo e non alla donna
Beh, si prospetta una serie carina, e abbastanza corta da non stancare: otto episodi di venti minuti l'uno.
Un solo avviso: il secondo episodio è molto meglio del primo.

15 commenti:

  1. Mi è piaciuto tanto. Non mi aspettavo niente di che, lo ammetto, ma mi sono proprio divertito.
    Simpatico, originale, orecchiabile. Finalmente, una cosa nuova :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Speriamo abbia successo, così non tagliano subito le gambe ad una possibile seconda serie ^-^

      Elimina
  2. Oddio, perché non ne avevo mai sentito parlare? Perché??? XDD Lo devo vedere u_u

    RispondiElimina
  3. Kate, mi hai letto nel pensiero! XD Dopo aver visto i primi due episodi mi sono subito chiesta cosa ne avresti pensato....
    Attendevo questa serie da settembre; nella mia lista delle aspettative era pure sopra Gotham e Flash. Per dire...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Voglio adottare re Richard. "I need a hug" è stato il momento in cui sono stata assalita dai feels a tradimento O_O
      Sì, era anche la mia serie più attesa u_u

      Elimina
    2. Re Richard è il top.
      Io di solito non shippo per principio, ma per lui faccio un'eccezione.
      E se la tizia non lo vuole me lo sposo io! XD

      Elimina
  4. mi aspettavo una schifezza, e invece è esilarante! :)
    prima sorpresa positiva dell'anno.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. È una di quelle serie che o bene bene, o male male. Speriamo vada a migliorare :)

      Elimina
  5. Non vedo l'ora di vederla :) Dal tuo commento, sembra proprio tutto quel che mi aspettavo!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. È adorabile. E stupido. E adorabile.

      Elimina
  6. E sia, mi sa che lo guarderò. Anche se il genere musical mi ha sempre lasciata un po' così.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Per me i musical sono sempre un terno al lotto, ma questo mi ha convinta XD
      Non credo sarà mai la serie definitiva, ma i primi due episodi li ho trovati tanto carini ^-^

      Elimina
  7. Io l'ho scoperta per puro caso ieri sera, e anche se ho visto solo la prima puntata me ne sono innamorata! *___*
    Lo seguirò pian piano, per potermelo godere meglio, ma *________________* è davvero splendido!!!! :)

    RispondiElimina
  8. Anch'io stavo aspettando tanto questa serie (che mi sa avevo scoperto proprio grazie a te), e Ia sto adorando da morire! Cioè, ero a neanche tre minuti dall'inizo della prima puntata e già ridevo! E concordo, re Richard è fenomenale!!
    Abzi, ti dirò, non so cosa ti aspettavi tu, ma a me finora pare abbastanza fenomenale! :)

    RispondiElimina