martedì 29 settembre 2015

Teaser Tuesday #135

Ed ecco di nuovo la rubrica settimanale Teaser Tuesday, creata dal blog Should Be Reading, che si divide in poche, semplici fasi:
1_ prendi il libro che stai leggendo
2_ apri una pagina a caso
3_ scrivi un breve brano (stando attenti a non spoilerare)
4_ scrivi titolo e autore

Tra questi pensanti terrazzani, scivolava quella figura femminile, unica del suo sesso che contenesse la sala. Era elegantemente, e perfino ricercatamente vestita. Si muoveva tra loro come un calessino tra i barrocci, la si ascoltava, dopo di loro, come un romanzo dopo una predica, la si sentiva tra loro come una brezza in una fornace. Ci era voluta non poca risolutezza - molto più di quanto avesse dapprima immaginato - per prendere posizione, perchè al suo primo apparire, i rumorosi dialoghi erano cessati, quasi ogni viso si era volto verso di lei, e quelli che erano già voltati, l'vevano rigidamente fissata.
Solo due o tre dei fittavoli erano personalmente noti a Batsceba, ed essa si indirizzò a loro. Ma se intendeva di essere la donna pratica che si era proposta di mostrarsi, doveva condurre i suoi affari con o senza presentazioni, e alla fine acquistò sufficiente scioltezza per indirizzare la parola e rispondere arditamente a uomini che conosceva soltanto di fama. Anche Batsceba aveva i suoi sacchetti di sementi selezionate, e gradatamente adottò anche essa il gesto professionale di versarsi il grano nella mano, sollevando i chicchi nel suo stretto palmo per farli ispezionare, giusta il perfetto stile di Casterbridge.
 - Via dalla pazza folla, Thomas Hardy

*Nota: il libro è molto bello, ma state lontani dall'edizione Garzanti del 2002. La traduzione è atroce e sembra impegnarsi al massimo per respingere il lettore: a parte la punteggiatura delirante che trovate in questo spezzone (e la frase finale che è quantomeno strana) ci sono perle come "l'alba cominciò a rompere" e "io vi tesoreggerò". Più l'inizio del terzo capitolo: "Anche la ubicazione terrestre è uno degli elementi di un interesse nuovo, e per nessuna ragione particolare, salvo che l'incidente della notte si era prodotto là, Oak entrò di nuovo nella piantagione".

11 commenti:

  1. L'alba tende a rompere in maniera spaventosa, specialmente quando arriva l'autunno e le foglie cominciano a tesoreggiare... XD
    Tornando serie: ho visto il film, e mi è piaciuto contro ogni aspettativa. Magari un giorno mi lascerò tentare anche dal romanzo! ^____^

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il film mi attira, ma non tanto da andare al cinema.
      Dei tre che ho letto di Hardy questo è quello che mi è piaciuto meno, ma resta comunque molto bello (e forse con una traduzione migliore l'avrei apprezzato di più). Ti consiglio di farti tentare dall'autore in generale :P

      Elimina
  2. Grazie per la dritta sulla traduzione, ce l'ho in lista da un paio di settimane.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Figurati, io a questo punto penso che lo cercherà in un'altra edizione :/

      Elimina
  3. "io vi tesoreggerò" è qualcosa di splendido!!! :P

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ti dirò, mentre stai leggendo il libro non tanto >__<

      Elimina
  4. L'ho inserita nella mia tbr autunnale, non vedo l'ora di leggerlo.... e la versione Garzanti è quella che ho prenotato in biblioteca >-< Okay, vedrò di cambiare edizione, perchè l'alba che rompe non si può proprio sentire XD

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sotto certi punti di vista l'alba rompe, se ti devi svegliare... ma non era quello il significato O_o

      Elimina
  5. Ahahaha, i dettagli sulla traduzione sono tutti da ridere!
    Chissà quella nuova della Garzanti, con il poster del film in copertina, se è cambiata oppure no.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Credo casti controllare il terzo capitolo: se c'è la supercazzola sull'ubicazione terrestre (?) mi sa che è ancora quella che ho io u_u

      Elimina