sabato 18 aprile 2015

In my maibox #11

A marzo è successa una cosa che ha messo uno stop al mio shopping compulsivo.
No, non è stato l'arrivo dell'estratto conto, ma il fatto che la mia carta postpay è scaduta e tra l'arrivo della nuova, l'arrivo del codice per attivarla e riuscire a parlare con un essere umano al numero verde... è passato un mese.
Tra l'altro dovevo pure prendere dei libri per l'ultimo esame, e potevo farlo solo on-line (grazie ai miei professori con il feticismo per libri fuori catalogo o che non hanno neanche alla biblioteca), ed è stata una rottura di notevoli proprorzioni.
Ne segue che le new entry di questa edizione sono un po' sparse: i tre di marzo, che ho preso in cartaceo in libreria, e quelli che chiamerò "aprile 1/?" perchè non credo che prenderò altro questo mese ma mai dire mai.
Oh, e poichè ho fatto il mio primo ordine di Libraccio e mi sono lasciata prendere la mano, questa volta ho più cartacei che e-books.

Adesso i disclaimer: rubrica creata da Kristi di The Story Siren.

Prima o poi staccherò le etichette

Cartacei - Troppo contenta del risparmio per preoccuparmi degli scaffali

Maria la Sanguinaria: miserie e grandezze alla corte dei Tudor, di Carolly Erickson. Sto cercando di uscire dall'Italia, per quanto riguarda i romanzi storici e le biografie, e i Tudor sono una scelta abbastanza scontata in quel senso. Ma non posso farci niente, e Maria è una figura che mi incuriosisce molto: tra quello che deve aver passato con un padre come Enrico VIII, e essere venuta appena prima di Elisabetta come sovrana... nulla, la sua storia mi attira. E trovo ingiusto che sia passata alla storia come "la Sanguinaria" per aver messo sul rogo 300 persone durante tutto il regno: è una cosa orribile e sbagliatissima, ma in quel periodo molti sovrani hanno ucciso - per motivi religiosi - molta più gente senza avere questa reputazione infamante.
Non condivido molto la tecnica riabilitatoria della Erickson, che descrive Maria come una santa vittima delle circostanze, e lei non è esattamente la mia biografa preferita (state lontani dal suo libro su Caterina di Russia) ma questo si trova, e ho apprezzato le panoramiche sui contemporanei di Maria.

Musashi, di Eiji Yoshikawa. Malloppone di quasi mille pagine con protagonista un samurai divenuto figura eroica in Giappone, a metà tra l'epico retelling e l'epico romanzo storico? Mio.

Ghiaccio-nove, di Kurt Vonnegut. Mattatoio n° 5 è un trip assurdo e Vonnegut un signor autore, quindi eccomi qua.

Dannazione

Interesting Times, di Terry Pratchett. È da due anni che la Salani non prosegue nella pubblicazione di Mondo Disco, e quando gli ho chiesto se avessero intenzione di continuare non mi hanno risposto. Proseguirò in inglese e se ricominciano... li comprerò per lui, non per voi, geni del male della Salani. Se fosse per voi, resterebbero sullo scaffale.

L'isola del dottor Moreau, di H.G. Wells. Cominciamo con l'ordine da Libraccio: questo libro qua di Wells è esaurito. Non so se lo ristamperanno, ma mentre La Guerra dei Mondi e La Macchina del Tempo ancora si trovano, questo è sparito da tutte le librerie, per cui quando l'ho visto in vendita usato non ho potuto che ordinarlo subito.

La figlia del tempo, di Josephine Tey. Personaggi fittizi che indagano sulla figura di Riccardo III, e per quanto i gialli non mi piacciano molto questo mi ha attirata fin da subito. Purtroppo è fuori catalogo, quindi me lo sono scaricato. Poi ho visto che l'e-book c'era e mi sono messa in attesa di riavere un modo per comprare on-line, e poi ho visto che usato costava meno. Ed eccolo qua.

Il seme del male, di Joanne Harris. Mi sono arresa all'evidenza: mi piace la Harris, anche se non leggerò mai Chocolat per presa di posizione. Questo è il suo romanzo di debutto, e ho letto pareri contrastanti. Ma se la Harris scrive qualcosa di ispirato a Carmilla (perchè quella o è ispirata a Carmilla, o è Carmilla), io prima o poi arrivo.

La pista delle volpi, di Fabio Pittorru. Pensavate che avessi chiuso coi Borgia? Illusi. Questo è un giallo, e segue l'indagine sulla morte di Juan Borgia. Sempre per vedere se, inseriti in un costesto che mi piace, i gialli possano intrigarmi.

O Cesare, o nulla, di Manuel Vàzquez Montalbàn. Secondo e ultimo acquisto in chiave Borgia di questo giro: da molti ne ho sentito parlare come uno dei migliori sull'argomento, e pertanto introvabile (ultima edizione del 1998 se non ricordo male). Quando ho visto che Libraccio c'era l'ho inserito nell'ordine e ho pregato mia madre di prestarmi la sua prepagata per qualcosa di non legato agli studi. Si vede che è usato, ma il signore ha anche una certa età e chi se ne frega.

Alvin l'Apprendista, di Orson Scott Card. È così vecchio che su goodreads l'edizione non c'è nemmeno. Di questa serie avevo due volumi dei tre usciti in Italia (la serie completa è di sei, ci credo che la gente si lamentava perchè non c'era una vera fine), per cui quando ho trovato il terzo mio subito. Ovviamente in un'edizione diversa rispetto ai due che ho già... ma tanto se vorrò sapere come finisce anche gli altri saranno in edizioni diverse.

La leggenda dei Cavalieri della Tavola Rotonda, a cura di Mike Ashley. Lo cercavo da una vita e mezzo, anche lui super esaurito, super fuori catalogo, e poi il miracolo: una copia su Libraccio. Come per i due precedenti si vede che è usato da mille chilometri di distanza, ma pazienza: meglio con le pagine gialle che niente.

E-Book - Il Solitario

La paura del saggio, di Patrick Rothfuss. Ho aspettato per qualche anno che uscisse l'edizione economica di questo stupido libro, per avere un senso di continuità con il precedente. Nel frattempo ho completamente scordato cosa fosse successo, nel precedente, e alla fine basta. Ho ceduto e l'ho preso in digitale.
Indovinate cosa c'era in libreria la settimana dopo? L'edizione economica. Mi consolo che, date le dimensione, è maneggevole come un mattone e la sua possibilità di non autodistruggersi una volta raggiunta la metà (edizione economica + più di mille pagine = pagine volanti) è praticamente zero.
Sì, il libro è acerbo.

13 commenti:

  1. Quello della Harris e Musashi li voglio tipo subito *_* La paura del saggio invece non so se leggerlo perché, come te, ho completamente dimenticato tutto il contenuto del volume precedente XD Mi ricordo solo che mi era piaciucchiato, ma non mi aveva fatto impazzire u_u

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io ricordo solo che mi era piaciuto parecchio, e adesso non so se rileggerlo o sperare che ci sia un mega riassunto nel secondo XD

      Elimina
  2. Belli tutti, anche se mi ispirano troppo quello del buon Chuck e della Harris.
    Ti ho già detto che è molto bello lo sfondo del blog? :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie, l'ho trovato tra quelli predefiniti ^-^

      Elimina
  3. Bellissimi acquisti, il libro della Harris ce l'ho ma lo devo ancora leggere, di Palahniuk ho preso da poco Fight Club e Dannazione mi incuriosisce tanto. Ghiaccio Nove idem. Che cosa esploderà prima, la mia wishlist o la prepagata?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. È il dubbio di ogni lettore che scopre amazon e simili XD

      Elimina
  4. Dannazione e Fight Club sono in wish da secoli! Di FC ho visto solo il film e devo assolutamente rivederlo perchè non sono sicura di aver colti tutto quello che c'era da cogliere ^^
    Il seme del male ispira anche me, della Harris se non l'hai fatto devi leggere Le parole segrete e Le parole di luce, una storia ispirata ai miti nordici davvero avventurosa!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Li ho letti tutti e due (Le parole segrete l'ho ache recensito *^*), ora sono qui che valuto se prendere Loki's Gospel in inglese o aspettare l'eventuale traduzione...

      Elimina
  5. La paura del saggio *_______________________________* Rothfuss <3
    A parte lui (che adoro e sono di parte!) ne hai presi parecchi che mi ispirano! *__*

    RispondiElimina
  6. Di Palahniuk per ora ho letto Fight Club e Ninna nanna: entrambi mi sono piaciuti davvero tanto! Prima o poi completerò la sua bibliografia. Di Vonnegut ho letto solo Mattatoio n 5 e, ahimè, non l'ho apprezzato appieno anche se non poso dire che sia un brutto libro. Comunque vorrei leggere altro dell'autore cosa mi consiglieresti?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. In realtà di Vonnegut ho letto solo Mattatoio n° 5, che mi ha colpita molto. Ghiaccio-nove sarà il secondo libro suo che leggo ^^;;

      Elimina
  7. Che bel bottino Kate!! In particolare ti approvo Maria la Sanguinaria , Dannazione e Il seme del male : li avrei presi anche io, sono curiosa di leggerli!!!

    RispondiElimina