venerdì 11 maggio 2018

Orrori in libreria #5

Nuovo appuntamento con gli orrori in libreria, la serissima rubrica dove vi mostro le mie serie in edizioni diverse, approdate in casa per errori di valutazioni miei o per scelte assurde della CE (o entrambe le cose).
Oggi è il turno di un recentissimo colpo al cuore, anzi, all'occhio. Entriamo nel mondo dei fumetti con le raccolte di Sarah Andersen, portate in Italia da Edizioni Becco Giallo.

Il primo volume è quello che non da mai problemi, visto che è il primo: al massimo potrà darli dopo, visto che è quello a cui tutti gli altri dovranno assomigliare.
Non c'è nulla da dire, se non che odio con l'intensità di mille soli la "traduzione" del titolo: Adulthood is a myth è mille volte meglio di Crescere, che palle!. A parte questo il volume è pressoché identico all'edizione originale, perciò niente lamentele.

Anche col secondo volume più o meno tutto bene.
Anche stavolta edizione uguale all'originale, la sola cosa a lasciarmi perplessa è il pelino che copre il titolo e le righe della felpina, assente nell'altro.
Pensavo fosse un cambiamento speciale dovuto al titolo, invece no.

Anche Tutto sotto controllo! ce l'ha, vai a capire perché (non sono riuscita a capire se è una cosa dell'edizione italiana o se è così anche in America).

Insomma, si direbbe tutto a posto: edizioni coerentissime tra loro, massima fedeltà alle versioni originali.
Poi li metti uno accanto all'altro e la magia si infrange.
Tutto sotto controllo! è di un evidentissimo mezzo centimetro più basso degli altri due.
Ma perché?

13 commenti:

  1. E' terribile, ma almeno la grafica è la stessa, ci metti un rialzo bianco sotto di mezzo cm e si pareggia tutto XD

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Però poi il logo della CE sarebbe mezzo centimetro più alto degli altri due XD

      Elimina
  2. Io ho messo un rialzo sotto due libri, ma perché sono stata io cretina a comprare l'economica del primo libro - l'unico libro in tutta la serie di cui hanno fatto l'economica perché per gli altri poi non è pervenuta.
    E quindi vabbè, pace, colpa mia.
    Ma in questo caso viene proprio da prendere a testate il muro. >.<

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anch'io ho delle serie che fanno a pugni perché no dei libri ce l'ho in economica... però che cavolo, quando le prendo "in tempo" vorrei evitare tali dolori XD

      Elimina
  3. Giunto alla quarta foto, ho tipo urlato.
    Ma perché, dico io. Perché?!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. È cattiveria gratuita. Non possono non sapere il dolore che ci provocano ç_ç

      Elimina
  4. Tipico caso di crudeltà contro noi poveri lettori seriali! Una cattiveria del tutto gratuita nei confronti di chiunque possieda un paio d'occhi, sigh! ;(
    Comunque la traduzione italiana del titolo del primo volume non si può proprio sentire! XD

    RispondiElimina
    Risposte
    1. È proprio perfidia: non ti accorgi dell'orrore finché non metti l'ultimo volume in libreria tutto felice :(

      Elimina
  5. Questa è crudeltà gratuita!!!!!!

    RispondiElimina
  6. Ma noo, a vederli di fronte sembrava andare tutto così bene!ç_ç

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Immagina come ci sono rimasta quando l'ho messo a posto la prima volta ç_ç

      Elimina
  7. Sono giunta alla conclusione che le CE lo facciano apposta. Sadismo allo stato puro. -.-

    RispondiElimina